images/autoritadibacino2.gif

 Il Piano di Bacino


 

 

L’Autorità di Bacino, in relazione a quanto definito dalla L. 183/89 e s.m.i., ha in corso il processo di pianificazione e programmazione finalizzato alla redazione del Piano di Bacino (All.1), relativamente alle Risorse Suolo, Acqua ed Ambiente.

 Nei primi anni di attività l’Autorità ha svolto, sul territorio di propria competenza (circa 12.000 Kmq - All.2 e All.3), oltre all’elaborazione degli “Schemi Previsionali e Programmatici”, anche una prima attività conoscitiva e di analisi finalizzata all’elaborazione di “Studi Prioritari” relativi ai “fenomeni franosi”, alla “ottimizzazione delle risorse idriche”, al “trasporto solido” e al “modellamento litorale” (All.4).

Sulla base di tale attività, è stato approvato dal Comitato Istituzionale il preliminare di Piano, nel quale sono stati individuati i Piani Stralcio da realizzare (All.5) - (“…il Piano di Bacino può essere redatto ed approvato anche per i sottobacini o per stralci relativi ai settori funzionali…” art. 12, L. 493/93).  I Piani Stralcio individuati sono stati così articolati:

- Piano Stralcio Difesa Alluvioni (Piano Stralcio di Assetto Idrogeologico-Rischio Idraulico);

- Piano Stralcio Difesa Aree in frana (Piano Stralcio di Assetto Idrogeologico-Rischio Frana);

- Piano Stralcio per il Governo della Risorsa Idrica Superficiale e Sotterranea;

- Piano Stralcio Tutela Ambientale;

- Piano Stralcio Erosione Costiera.

L’elaborazione di questi Piani, oltre alle azioni di studio, analisi ed indagini, ha visto una rilevante “attività di concertazione” con gli Enti Territoriali competenti. Attraverso la Pianificazione di Bacino (Piano di Bacino e Piani Stralcio), l’Autorità di Bacino mira al conseguimento di un duplice obiettivo:

- il raggiungimento di un alto valore del “rapporto sicurezza/rischio” nell’ambito di una zonazione territoriale;

- l’individuazione degli interventi strutturali e non strutturali.

A tali Piani sono connessi programmi specifici ed una serie di ulteriori azioni relative a: 

- Intese di Programma con Ministeri, Regioni, Province ed Enti locali
- Progetti specifici ed Attività collaterali
- Attività di Concertazione con Enti Territoriali
- Informazione e Formazione.
 
PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT