Stampa

Le caratteristiche del territorio di Bacino


 

Il Bacino Volturno

Il Volturno rappresenta il principale fiume dell'Italia meridionale; a livello nazionale è il sesto per estensione del bacino (5.550 km²) e dodicesimo per lunghezza (175 km²).  Il Bacino del Volturno si sviluppa su un'area ricadente principalmente nelle Regioni Campania (235 Comuni) e Molise (46 Comuni) ed in minima parte nelle Regioni Abruzzo (2 Comuni), Puglia (3 Comuni), Lazio (5 Comuni), e comprende 292 comuni suddivisi tra 9 Province.  "Il territorio del bacino ha una forma vagamente trapezoidale con il lato lungo secondo la direttrice NO-E. Nella parte più settentrionale, in territorio molisano, il bacino si estende fino alle pendici del M. Greco ed ai monti della Meta nel Parco Nazionale D’Abruzzo. Procedendo verso SE il confine attraversa via via il Massiccio del Matese, i Monti del Sannio fino ai Monti della Daunia dove il bacino Volturno lambisce in maniera molto marginale i territori del foggiano. Proseguendo, si giunge nelle zone più meridionali; qui il limite corre lungo i monti Picentini per poi risalire verso NO".  Superata la zona di Avellino il confine si insinua nel massiccio isolato di Montevergine ed alle pendici di quello del Taburno, per poi lambire l’abitato di Caserta e, cambiando direzione, proseguire verso Ovest parallelamente al corso del Volturno fino alla foce.  Nella parte NO infine il limite di bacino coincide con quello del Liri-Garigliano e, attraversando poi i massicci del Monte Maggiore e del Roccamonfina si richiude lungo il lato destro del Volturno delimitando anche il bacino chiuso del canale Agnena Savone. Il bacino del Volturno risulta costituito dall’insieme di due grandi sub-bacini: - il primo è quello relativo all’asta principale del Volturno che ha una lunghezza di175 Km, - il secondo invece è quello del  fiume Calore lungo ben 132 Km. Lo spartiacque naturale tra i due sub-bacini si sviluppa secondo una direttrice Nord-Sud a partire dal massiccio del Matese, ed attraverso la piana di Amorosi fino al Monte Taburno.

Il Bacino Liri-Garigliano

Il bacino del Liri-Garigliano si sviluppa in un'area ricadente nelle Regioni Lazio (123 Comuni) ed Abruzzo (35 Comuni) ed in minima parte nelle Regione Campania (9 Comuni) e Molise (1 Comune). Comprende 168 Comuni suddivisi tra 6 Province (Frosinone, Latina, Roma, L’Aquila,  Caserta, Isernia). La superficie complessiva è di oltre 5.142 Kmq. "Il bacino presenta una forma sub-triangolare con i vertici posizionati all'estremità Nord, Ovest e Sud del territorio. La parte più settentrionale è costituita dai territori di bonifica del Fucino e lo spartiacque naturale, nella zona Nord, interessa i monti dell’Appennino abruzzese". Procedendo da qui verso sud, il confine attraversa il Parco Nazionale d’Abruzzo ed il sistema montuoso delle Mainarde, dopodiché scende quasi verticalmente facendo da separazione prima con il bacino del Volturno fino al massiccio di Roccamonfina, e poi con l’Agnena Savone  fino al mare in territorio casertano. Oltre la foce del Garigliano (lato destro del fiume), lo spartiacque attraversa successivamen te da sud verso nord i monti Aurunci, Ausoni e Lepini, e termina al vertice Ovest sui Colli Albani in provincia di Roma. Da qui cambia direzione puntando verso NE e si richiude quindi su sé stesso attraverso i monti Ernici ed i monti Simbruini. Dal punto di vista idrografico si individuano tre importanti sub-bacini e precisamente il Fucino, il Sacco e il Liri-Garigliano. 

_______________________________________________________________________________

  Caratteristiche del territorio di Bacino dei fiumi Liri-Garigliano e Volturno.pdf

PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT

Cerca nel sito

Autorità di Bacino dei fiumi Liri-Garigliano e Volturno
V.le Lincoln – Ex Area Saint Gobain - 81100 Caserta
Telefono: 0823300001 – Fax: 0823300235
protocollo@pec.autoritalgv.it
Caratteristiche del bacino. Autorità di bacino dei fiumi Liri e Garigliano e Volturno